Loading

L’OCEANO NELLA GOCCIA (50) - Digambara



L’aumento della consapevolezza avviene come un istantaneo cambiamento di punto di vista con la conseguenza di vedersi da fuori, più oggettivamente, senza il consueto attaccamento emotivo. In parallelo significa vedere almeno in parte diversamente la realtà che ti circonda e anche il funzionamento della tua mente che la crea/giudica. Se questo salto è profondo si può realizzare un vero cambiamento del tuo “punto di assemblaggio” (Almaas) che è l’immagine profonda di io/me in cui ti sei identificato fino a questo momento.
I tre passaggi che “certificano” il cambiamento del paradigma che regge la tua vita sembrano essere: il Riconoscimento (la Via del Buddha), l’Apertura del Cuore (la Via del Cristo) e l’Accettazione Incondizionata (la Via della Perfezione)

*****

La consapevolezza cresce assieme al distacco da io/me. Molti possibili i primi segnali del lento distacco dal personaggio che preparano la mente al cambiamento: un senso di lontananza da quello che pensi, fai e dici, atteggiamenti quali autoirionia, sdrammatizzare i propri problemi, parlarsi talvolta in terza persona, saper chiedere scusa perché hai riconosciuto un altro punto di vista, aprirsi all’altro e allo sconosciuto… Insomma, quando inizi a smettere di essere ossessionato da te stesso e prenderti troppo sul serio. Sono momenti che danno il senso di poter cambiare almeno in parte il proprio rapporto con la vita, che non è tutto già scritto e predestinato.

La cosa importante è lo sblocco dal personaggio costruito e totalmente dipendente che ha occupato il centro della tua vita.

*****

Se la tua vita è anche la storia della tua consapevolezza il salto più importante è sicuramente il Riconoscimento, il momento in cui “due infinità/vacuità si fondono” : il Nulla vivente che scopri essere appena sotto la maschera del tuo personaggio e il Vuoto che è la natura di tutta la realtà, qualunque essa sia, si scoprono essere Uno, prima di qualunque forma e nome.

Questa realizzazione, se accompagnata da una forte liberazione energetica, è la svolta che mancava alla tua vita. L’esperienza della non-separazione è al centro di tutte le realizzazioni e comprensioni successive e preannuncia, quando si stabilizza, il tuo Risveglio.

In termini pratici, vedi attraverso l’illusorietà di tutto ciò che la mente considera reale: la distanza e la differenza tra me e te e gli oggetti del mondo, la linearità del tempo, il rapporto causa-effetto alla base del cambiamento.

Non solo lo vedi con chiarezza ma inizi a realizzare la possibilità di viverlo mentre la tua vita quotidiana continua, liberata dalla preoccupazione della mente di tenere tutto sotto controllo e di continuare a cambiarlo.

*****

Fino a quando credi che la mente ordinaria sia l'unico strumento a tua disposizione, la possibilità di cambiare la qualità della tua vita è molto ridotta e dipendente da quello che succede nel tuo mondo che tu lotti per cambiare..

Un giorno scopri che non c'è differenza tra la mente e il suo contenuto. Quello che vedi è quello che sei Se allora ti impegni in un lavoro di crescita di coscienza, spirituale, il cambiamento è fondamentalmente rivolto adesso su di te più che direttamente a cercare di cambiare il mondo attorno. E' un passo fondamentale ma non sufficiente e se ci sei passato sai anche come sono effimeri questi risultati.

Non (cercare di) cambiare la tua vita – cambia la tua consapevolezza e QUESTO cambia la tua vita. Questo è incominciare a guardare nella giusta direzione non genericamente verso di te ma precisamente alla fonte stessa della tua vita, del tuo mondo e di te stesso che scaturiscomo come da una fontana che continua a reinventarsi rimanendo sempre se stessa ...

*****

Quando la Presenza occupa il centro della tua consapevolezza puoi osservare emergere una direzione più chiara della spinta che la vita continua a darti. Alcuni di noi mantengono chiaro il senso di illusione di tutto ciò che viene creato e ricreato dalla mente con l’inevitabile svuotamente di senso e di importanza per la loro vita e la vita stessa. La via della trascendenza, della sublimazione, del distacco…la via tradizionale spirituale conosciuta da millenni. La liberazione del sé da sé si  stabilizza se non rimani impigliato in una secca di vita semplicemente anestetizzata, banalizzata, rinunciataria o nell’ego preda di bulimia spirituale.

Per la maggior parte di noi che ci sentiamo parte di un processo straordinario di cambiamento e vitalità. Osservi, nella tranquillità della mente, l’affiorare stesso della matrice che ha mantenuto finora in carica il tuo “passato”, il tuo carattere e personalità. E’ il processo di liberazione attraverso l’integrazione degli opposti e di tutte le energie di cui finora hai avuto paura. Il sogno si trasforma e si sblocca. La vita è nuova e ti chiede ancora di essere scoperta e vissuta, in leggerezza e gratitudine.

*****

Come ti accorgi che cambia la tua consapevolezza? E’ come essere su un ascensore trasparente all’esterno e che ha cambiato piano. Hai una visione diversa, più “alta”, comprensiva, distaccata ma anche arricchita da nuovi e diversi significati, forme di bellezza, relazioni tra le cose. Possono emergere inaspettati  livelli di realtà, senso di unità e unicità, preziosità. Quando sei “in salita” scopri ad una ad una sempre nuove dimensioni essenziali, non dipendenti da cause immediate ma aspetti di una realtà profonda. Scendendo di nuovo di consapevolezza ti trovi di fronte a nuove possibilità di inferno, forme di separazione e meccanismi di sofferenza..

Ad un certo punto, tra inaspettati alti e improvvisi bassi,  tutto si stabilizza e si fonde. La consapevolezza si scopre essere la voce della coscienza e tu ne sei il suo agente e creatore, continua perfezione vivente…

*****

La vita insegna non col tempo che passa ma con la consapevolezza che cresce.

La strada che percorri non è nel tempo ma nella consapevolezza. Se vivi una vita ripetitiva, circolare, dove tutto succede ma nulla cambia come il criceto sulla sua ruota, la vita diventa una gabbia con la tua faccia sopra..e .allora incominci a desiderare la grande fuga. Ma tu non sei qui per questo. Svegliati! Metti l’energia che hai non nel cambiare il mondo e nemmeno nel “cambiare” te stesso ma a liberare la tua consapevolezza, illuminando la tua comprensione, con l’aiuto dell’intelligenza del cuore….Riconosciti per chi sei veramente, “prima di diventare qualcuno” e ti troverai sempre in Pace.

*****

Non c’è modo per l’unica coscienza di vivere le tue esperienze se non attraverso di te. L’esistenza è sempre con te e tu al suo servizio. Il creato avviene proprio adesso attraverso il tuo respiro e il battito del tuo cuore, il pennello e i colori della creazione.

Fuori dal labirinto c’è tanto di più della tua realtà rispetto al piccolo personaggio irretito dalla vita

…e poi il cuore si apre e QUESTO ti inonda.Tutto torna vivo e tu con questo…Non c’è più nulla che manchi, nulla fuori posto, nulla di sbagliato.

L’altro, arrivato come estraneo, è un nuovo accesso a chi sei veramente

La visione si corregge da sola ogni volta che smetti di sentirti sbagliato, in ritardo e fuori posto. Gli  occhi della tua mente smettono di vedere incompletezza, separazione e diversità

Forse che “morte”non è tornare a tutto ciò che siamo ma che (adesso) non viviamo?

Tu adesso sai che AMORE E’ AGIRE. La tua azione consapevole è Amore-in-azione, amore agito

Pensa a questo la prossima volta che avrai paura della vita, pensaci bene prima di buttarti via!

E’ uscita l’ultima raccolta dell’Oceano nella Goccia: http://laclassedelrisveglio.blogspot.it/2017/06/loceano-nella-goccia-43-digambara.html



*****

Finora hai misurato la tua vita con la linea orizzontale del tempo che ti viene incontro e diventa passato nella immobilità del presente. Guarda invece la vita come continui tentativi di trasformazione del presente.

L’uomo ancora ignorante di sé stesso lo tenta cercando ossessivamente di cambiare qualcosa dentro a questa vita, queste relazioni, questa mente. QUESTO presente. Ma le carte sono sempre le stesse e il risultato fondamentalmente non può cambiare.

Col Riconoscimento della tua vera natura scopri che il cammino riflette il cambiamento della tua consapevolezza nell’eterno presente. Il valore, lo spessore del  presente cresce come un asse verticale  liberando sempre nuove visioni di sempre maggiore integrità, amore e perfezione.

Questo il vero significato della croce: l’incontro tra la visione basata sul tempo con quella illuminata dalla crescita della consapevolezza

*****

La Coscienza si specchia nella Vita. La tua vita è lo specchio della tua Coscienza o meglio della tua consapevolezza. La consapevolezza misura l’esperienza della Coscienza in sé, per sé e di sé in questa vita.

La consapevolezza adesso cresce nello spazio che la mente rilassandosi lascia libero mentre si allentano i meccanismi di reazione e giudizio. Libera da sé senza più paura per la propria “vuotezza”. Aumenta la percezione diretta ma anche distaccata e amichevole della vita.. appena ti fermi la corrente del fiume prevale e ti porta e ti appaga..vivere è allora armonia e un lungo processo di rilassamento. La consapevolezza cresce e un giorno scopri anche tu che fiore sei..

*****

Questo sembra il nostro gioco preferito: “vogliamo imparare” a volare anche se stiamo già volando!

Quando la mente non interferisce e sei consapevole, vivi in Presenza. Allora non c’è cammino, né un andare né un venire, né altro che la totalità della percezione vivente e diretta di ciò-che-è. Appena ritorna la mente, ritorna il senso del tempo e del tuo cammino, “l’evoluzione della tua coscienza” che dovrebbe riempire l’inadeguatezza del mondo della mente. La Classe del Risveglio è disegnata per aiutarti nel passaggio dal mondo della mente allo stato di Presenza – a “coltivarlo” e rimanerci

*****

la Verità mai è tanto persa come quando è cercata.  E’ vero quindi che anche il cammino nel Risveglio qui descritto nelle sue fasi principali è illusorio. Mentre la Chiarezza è nella natura stessa del Risveglio è importante, possibile e necessario fare comprendere questa illusorietà quanto più profondamente possibile alla mente del ricercatore - L’utilità del cammino e della guida è nell’aiutarti a darti occhi per riconoscere quello che è già tuo in “questo momento, in questa forma” e a insegnarti a tranquillizzarti e amarti durante la lunga attesa di quando i tuoi occhi si apriranno.

A un certo punto Godot arriva – proprio quando riesci a fermarti! Questo l’abbiamo sempre saputo ma dobbiamo “arrivarci”..

******

Ed ecco uno degli insegnamenti più importanti avuti dalla frequentazione di tanti compagni di viaggio nella Classe del Risveglio

Solo dopo il Riconoscimento, se hai una esperienza positiva, amorevole, luminosa essa ti porta a toccare una dimensione essenziale e per questo incontaminata, completa e fuori dal tempo (oltre il livello 400 nella scala di Hawkins). Questo è possibile perché l’ego non è più nutrito come prima dalla tua identificazione. In questo spazio di distacco che si è creato risplende  e trovi la nuova dimensione. Invece senza aver ancora incontrato il tuo Riconoscimento, esaurita l’esperienza positiva, rimani nei meccanismi della solita mente sia essa la valle dell’ego positivo (da 200 a 400) o negativo (sotto 200)

Dopo questa grande svolta, ogni volta che ti ritrovi nella pura Presenza i meccanismi mentali si calmano e indeboliscono e si espande un senso di leggerezza, di essere comunque amato e guidato, di perfezione… Questo il terreno dove cresce la possibilità della tua Liberazione finale.

GOCCE QUOTIDIANE (6) - Digambara


"Verità è tutto ciò che non cambia..."
*****

"La “tua” Liberazione ti chiama ed ha la tua stessa voce...."

*****

“Cambiamenti radicali di prospettiva che sperimenti in Presenza con la voce dell’io sempre più fioca, silenziosa e rilassata..."

*****

"Questo è il cammino che ti aspetta dopo il Riconoscimento: Verità, Amore e Perfezione. Non ti fermare!":

*****

"Esiste il tuo cammino personale ma quando ti senti guidato e la dimensione impersonale predomina, si rivela come il cammino comune della consapevolezza umana."

*****

"La consapevolezza è una mutevole funzione (qualità) della (tua) Coscienza, la tua bussola e la forza essenziale all’origine dei tuoi cambiamenti"

*****

"Stai andando nella giusta direzione!

*****

"“Vivi con l’innocenza del bambino e la consapevolezza dell’adulto"

*****

"Aiutare la tua consapevolezza ad arrivare al punto in cui non saranno più necessari aiuti, pratiche e guide"

*****

"La consapevolezza è il nostro senso principale per cambiare la realtà percepita, incluso te stesso, gli altri e il mondo"

*****

“Non ti fermare ancora, non cercare semplicemente un sogno felice!"

*****

"Tu sei la tua Guida, impara a riconoscerla ed ascoltarla."

*****

“A un alto livello di consapevolezza la realtà percepita coincide con la realtà essenziale avendo trasceso ogni tipo di separazione e distinzione"

*****

"Per la tua storia umana, la fine della ricerca...l'inizio del cammino."

*****

“Col Riconoscimento al centro della tua vita non sono più i tuoi pensieri ed emozioni ma la pienezza del Vuoto, il Nulla vivente. E la tua mente non avrà più paura!”

*****

“Mentre vivi la tua vita, continua a “guardare nella giusta direzione”, al mistero vivente che ci permea e ci muove.”

*****

“La pratica della Consapevolezza, Mindfulness, quando scopre il vuoto nell'essenza di ciò che è e di ciò che sei, fiorisce nel Riconoscimento"

*****

“l'esperienza costante di chi sei..."

*****

“Allora, solo allora, le pratiche non sono più necessarie e ti lasciano, naturalmente, senza giudizio"

*****

“Quando sei pronto iniziano i “miracoli”...”

*****

"Quando vedi la vita come il manifestarsi di Verità-Amore-Perfezione, la tua è una vita risvegliata"

*****

“Amore è morire del sè"

*****

Il sogno è diventato lucido. Come posso non amarlo e non sentirmi amato?"

*****

"Come è possibile morire? Che cosa muore?"

*****

"Innocenza consapevole è rimanere rilassato davanti all’immensità del tuo non-sapere..."

*****

“Il tuo destino su questa Terra sta liberandosi quando finalmente senti che l’ultima parola è già:GRAZIE! "

*****

“Ci sei o ci fai??"

*****

“La libertà dall'attività concettuale è il sentiero di tutti i Buddha"

*****

"Fiori che sbocciano ad uno ad uno quando la mente apre varchi, smagliature, nel suo velo di protezione in cui ti sei rinchiuso"

*****

"Riconoscersi è solo il primo passo perché la vita torni a celebrarsi con te"

*****

"E’ tempo di essere felice in questa vita!"

*****

“E che tutto sia riempito di Luce, Consapevolezza e Amore."

*****

"Grazie per il regalo immenso di vivere!"

*****

"C’è differenza tra vita e morte solo finchè tu sei qui..."

*****

“La tua mente criticona sta avvicinandosi al "retto discernimento"

*****

“Come possono le comunità virtuali diffondere risonanza, empatia, comprensione, Presenza?"

*****

"Più di Dio non c'è niente!".
"Esatto", disse il sufi. "Io sono Niente"

*****

"Se questo non succede, non “ti” succede ancora, nulla è perso. Un giorno-ora le ombre scompaiono. Desidera e rendi possibile che ora sia adesso!"

*****

"Liberare la tua azione, la tua vita, è necessario. Quando poi comprendi che non è nelle tue mani, diventa inevitabile"

L’OCEANO NELLA GOCCIA (49) - Digambara



Il Riconoscimento è così paradossale che ho conosciuto persone che “hanno riconosciuto” ma ancora non lo sanno! Spesso li trovo tra chi ha seguito per anni un grande Maestro, come Osho o dentro una tradizione spirituale. L’Illuminazione è stata nei secoli un mito irraggiungibile e spesso un tabù per il ricercatore. Riconoscimento e Risveglio sono invece tappe della coscienza che si svela a se stessa, gradualmente maturando, acquisendo luminosità e vitalità. Mentre la consapevolezza esplora, anche se spesso temporaneamente, sempre nuovi livelli
Molti arrivano “da soli” molto vicino al Riconoscimento e hanno bisogno appena di  una piccola spinta e il velo di Maya si lacera per loro. Per sempre.

*****

Finchè le polarità non sono affiorate, riconosciute, integrate e liberate…rimangono nella tua coscienza forze, condizionamenti, illusioni e paure che di tanto in tanto si faranno sentire nonostante il tuo Riconoscimento, e forse ancora in modo più virulento che in passato. Sarà allora  quando la visione della vita tornerà a essere un sfida, antagonistica, deludente e senza speranza. Quando l’esperienza che attraversi è di orgoglio, rabbia, paura o apatia. Quando desiderio, bisogno e ansia sembrano riprendano potere su di te. Quando Dio, se è parte della tua visione, torna ad essere un potere talvolta punitivo o indifferente, sempre sovrastante.

Allora sei ripiombato nella valle dell’ego “negativo” schiacciato contro la polarità negativa che  fa soffrire te e gli altri.

Ma sempre meno spesso ci inciamperai e sempre più rapidamente queste forme pensiero se ne andranno per riprendere il livello di consapevolezza che ormai si è attivato col Riconoscimento. Rimani saldo nel tuo cuore e lucido nella tua mente:

*****

Un giorno ti accorgi inevitabilmente che tutti i lavori di espansione di coscienza, di alterazione,  cambiamento e di controllo sulla tua vita, basati su preghiera, speranza e volontà non sono capaci a portarti fuori dalla ruota della desiderio, illusione e disillusione, dal bisogno e depressione, dal Samsara. Il fallimento dipende dal fatto che ancora io/me rimane al centro della tua vita e tutte queste esperienze di espansione di coscienza rinforzano l’illusione e il potere dell’io/me. Sei e rimani nella lunga “valle dell’ego positivo”. Queste esperienze ti hanno anche dimostrato che quando la consapevolezza aumenta la tua vita cambia, anche se non ti è chiaro ancora come e perché…

*****

Dopo il Riconoscimento la vecchia vita ha i giorni contati!

La tua consapevolezza di oggi misura la maggiore distanza tra la tua essenza e il tuo personaggio, e questo nuovo spazio lo vivi come presenza e amore

La consapevolezza accresciuta dal Riconoscimento aumenta enormemente la tua possibilità di cambiare e imparare ad allinearti (allearti) alla vita. Ti porta ad esperienze di verità che altrimenti purtroppo solo dosi massicce di dolore e frustrazioni sembrano in grado di portarti fuori dall’immensa “valle di lacrime”. Le persone che non hanno ancora scoperto questo dono hanno quindi molto più limitate, casuali e drammatiche opportunità di vero cambiamento.

*****

Il ricercatore si ferma presto, dopo che hai assaggiato il Riconoscimento. Da allora cambia la tua relazione con il presente che prende bellezza e significato più la mente si rilassa nella contemplazione di ciò che è. Impari a guardare nella giusta direzione e prima o poi imparerai a vedere. Questo è un processo di disinganno, di abbandono del conosciuto e rilassamento progressivo nel fluire senza nome del presente. E’ molto bello essere in compagnia, mente-a-mente e cuore-a-cuore col silenzio che sovrasta le nostre paure di non farcela e pensieri di separazione. Io/me perde potere.

E osservi che la tua consapevolezza è in grado di sbloccarsi, crescere e portarti a sempre nuove scoperte.

*****

Ci sono vari “segni” che identificano i ricercatori che sono pronti al loro Riconoscimento. Prendi queste parole come chiavi di consapevolezza che forse hai già in mano per aprire nuove porte.

Sei ormai da tempo la tua visione della vita e di te stesso è di cambiamento, pienezza, speranza e armonia…. Se hai sperimentato il risveglio in te di un fondamentale coraggio, e un senso nuovo di equilibrio, volontà e accettazione…. Se spesso il tuo agire è dominato da un orientamento alla affermazione, fiducia, positività e propensione al perdono... Se, avendolo, anche il rapporto con il tuo Dio è improntato da una percezione da parte Sua di accessibilità, potenza, compassione….

Se in definitiva senti di essere in una fase di legittimazione di chi sei e del ruolo che hai nella vita, un alleggerimento dal passato, una chiara intenzione a andare avanti sul tuo cammino e vivi il richiamo di esperienze di trascendenza…

Allora la tua sete sarà presto appagata. Riconoscersi e imparare  a rimanere in presenza è il prossimo passo. Ti auguro di andare anche oltre questa “valle dell’ego positivo” e riscoprire chi sei veramente!

(Qui è sintetizzato il livello da 200 a 350 nella mappa di Hawkins sulla evoluzione della coscienza umana)

*****

Il vero insegnamento si dimostra valido anche quando abbandoni la mappa di cui finora ti sei servito e che ti ha confortato nel mondo capovolto, paradossale, dove tutto prende la sua posizione naturale, originale ed essenziale, illuminato dalla Verità di ciò-che-è.

Ricorda: Verità è tutto ciò che non cambia. Finchè la tua vita è solo cambiamento, non fermarti, non smettere di cercarla.

*****

E poi, alla fine, se sarà dato…

Incontri esperienze di trascendenza, l’anelito di sciogliersi nella Luce. La “tua” Liberazione ti chiama ed ha la tua stessa voce. Contemplazione nella solidità impeccabile del Silenzio. Il cammino da tempo è terminato. Le parole di verità diventano ineffabili. Il Sé, Uno dell’Essere scioglie l’ultimo bisogno di forma…



*****

La mappa possibile della crescita nella tua consapevolezza…I tre balzi, i tre cambiamenti radicali di prospettiva che sperimenti in Presenza con la voce dell’io sempre più fioca, silenziosa e rilassata. (Non appigliarti alle parole ma abbi fiducia ed ascolta la risonanza in te di questo messaggio).

Il primo è il livello di apertura alla Verità che avviene col Riconoscimento. Dio è Saggezza e la vita è in sé significato, Intelligenza vivente. La qualità in questo momento dominante, essenziale risvegliata nella tua coscienza è Comprensione.

Spesso. se non arriva prima, segue l’apertura del cuore, la seconda apertura “essenziale” con la Rivelazione che tutto è Amore e che la vita è in fondo bene che si rivela, di fonte divina. Inizia la tua Venerazione verso tutto ciò che si manifesta in te e attorno a te.

Ormai, il processo di integrazione, sblocco e unione dell’energia finora in opposizione diventa continuo, sistematico e si completa con la tua gioia. Entri nel livello della Perfezione e nel processo in cui Risveglio diventa Illuminazione, dominato da valori essenziali impersonali, costanti, universali che godi come Beatitudine. La vita è Pace e Dio ha l’aspetto del Tutto.

*****

Oggi ti parlo delle tre tappe fondamentali, i tre salti di consapevolezza al fiorire del tuo Risveglio.

Quando cogli che ogni punto di vista, ogni percezione, ogni spinta ha la stessa natura e proviene dalla stessa fonte, quando la grande tensione che ti spinge e cambiare sempre qualcosa in te e nel mondo finalmente si rilassa, allora la coscienza realizza che tutto è in sé Verità

Quando cogli che tutto ha spazio in te e che c’è spazio per tutti gli opposti e opposizioni, incluso il conflitto e il dolore e la separazione, e che integrano  il tuo campo energetico e la tua presenza, allora la coscienza realizza che tutto ciò che è possibile è già Amore

Quando smetti di cercarti e non sei più la cosa più importate della tua stessa vita, quando realizzi che tutto è già,quando il silenzio accoglie senza discriminazioni e giudizio, la coscienza realizza che tutto è Perfezione.

Questo è il cammino che ti aspetta dopo il Riconoscimento. Non ti fermare!

La “mappa” funziona!

(Riconoscenza eterna a David Hawkins e alla sua mappa – e al mitico “pescatore di perle”, Marifa)

*****

Esiste il tuo cammino personale ma quando ti senti guidato e la dimensione impersonale predomina, si rivela come il cammino comune della consapevolezza umana.

Le esperienze, le rivelazioni che spesso hanno i partecipanti alla Classi sono individuali e spesso eccezionali per chi le vive, quasi sempre imprevedibili fino all’istante prima ma non sono per nulla “uniche”. Anzi, nulla è così univoco, riconoscibile, universale e costante.  Ogni esperienza di Verità,  ogni salto di consapevolezza, ogni cambiamento radicale di prospettiva è riconosciuto “vero” all’istante da chiunque abbia avuto o stia avendo la tua stessa esperienza. Che sono più che espansioni di coscienza vere rivelazioni di coscienza (della Coscienza). Col tempo, “coltivandole” nella Presenza, impari a vedere quali sono gli ostacoli che ti bloccano a livelli più densi di illusione (più bassi di consapevolezza). E , a poco a poco,emerge nella tua comprensione , se non proprio la sequenza, il comune senso di direzione. Esperienza comune, sempre più frequente e potente, l’onda che si alza spinta dalla tua viva esperienza con il potere di spingere a fare lo stesso salto per risonanza ai compagni di viaggio che sono con te.

Ci ritroviamo tutti insieme a riprendere il cammino e, un giorno,  nel vederlo svanire quando ha messo radici nella tua vita. Diventi consapevole: chi sei è il tuo stesso cammino e la tua stessa meta.

Prossimamente ti racconterò alcuni passaggi di questo cammino comune

*****

La consapevolezza misura la visione che in questo momento hai di te e  del mondo,  la tua comprensione, la tua affettività e il tuo “senso” delle cose.

La consapevolezza cambia assieme al tuo punto di vista quando arrivano i grandi doni, le scoperte e rivelazioni della vita. La consapevolezza (Awareness) misura il tuo cambiamento e trasformazione e “crescita” durante la vita. Per chi si riconosce in cammino, la consapevolezza disegna la mappa del suo percorso e il suo “ritorno a casa”, mentre la Coscienza (Consciousness) rimane la immacolata, completa, pulsante, luminosa pienezza vivente della vita.

La consapevolezza quindi è una mutevole funzione (qualità) della (tua) Coscienza, la tua bussola e la forza essenziale  all’origine dei tuoi cambiamenti.



*****

E’ uscita la nuova raccolta delle Gocce Quotidiane:

“La vita è l’attraversamento di te stesso!"

"Continuare a cercare di migliorarsi ti condanna alla infelicità."

“Il TUO Risveglio: è possibile, è inevitabile, è necessario!..."

"E’ il più grande cambiamento della tua vita….Il Risveglio diventa una promessa che fai a te stesso…”

"Mi fermo…mi rilasso… mi affido….mi ritrovo… "

"Non è nelle tue mani, perché preoccuparsi? E se fosse nelle tue mani...perchè preoccuparsi?"

"Togliere pressione dalla tua mente e riordinare la tua vita è un processo naturale e spontaneo dopo il Riconoscimento..."

“Vivi con l’innocenza del bambino e la consapevolezza dell’adulto"

Puoi leggere tutto qui:




*****

La prima cosa da comprendere è che parlare di cammino, evoluzione , crescita nella e della tua coscienza significa trattare il tema della illusione.

E’ questo in sé quindi un tema illusorio? E forse parlarne non fa altro che rafforzare questa illusione? Non proprio. Parlarne e creare anche mappe pratiche e temporanee di indirizzo significa aiutare la tua consapevolezza ad arrivare al punto in cui non saranno più necessarie.

Se lo fosse già oggi per te, dimostra che sei già “in alto” sulla scala della consapevolezza che, fidati!, esiste eccome ed è utilissima per non rimanere in un Vuoto e in una vita senza “senso” e magari per non scendere di nuovo in stati di illusione più “densa”